Tag

,

 

 
Tempo fa ho scoperto la mia intolleranza al lievito chimico. Allora ho deciso di creare il mio lievito madre homemade.

Il lievito madre è un impasto fermentato in cui si sviluppano batteri e fermenti lattici che, producendo anidride carbonica, favoriscono la lievitazione naturale.
E’ una preparazione antica di cui si ha traccia già in antiche civiltà, dove si usava un impasto acido spontaneo per rendere il pane più fragrante. 

Il lievito madre nasce da un impasto di farina manitoba, una farina forte, ricca di glutine e adatta alle lunghe lievitazioni, e acqua ma per accelerare i tempi di fermentazione solitamente si usa uno starter. Io ho usato il succo di mela!
Ci vuole tanta pazienza per farlo. Prima di vedere dei risultati io ci ho impiegato circa 15 giorni. L’ho rinfrescato praticamente tutti i giorni.
Adesso posso dire che ho un lievito madre molto buono, con una giusta dose di acidità!
I batteri e i fermenti contenuti nel lievito madre hanno bisogno di essere tenuti in vita, per ottenere un lievito forte, e per questo vanno nutriti con nuova farina e acqua.
Il mio lievito madre ha già 7/8 mesi di vita. Più è vecchio il lievito, più il pane è flagrante!
Per tenerlo in vita basterà tenerlo in una barattolo di vetro alto coperto con della pellicola in frigorifero e rinfrescarlo solo una volta alla settimana. Il lievito madre renderà pane, pizza e brioches più fragranti, dal sapore intenso e soprattutto più digeribili!

Adesso passiamo alla cosidetta ricetta del lievito madre! 
Ingredienti: 250 gr farina manitoba, succo di mela, miele, acqua naturale
Impastare tutto . Fate una palla e mettetela in un contenitore di vetro. L’impasto non deve essere appiccicoso! 
Praticate sull’impasto una croce con un coltellino a lama liscia ; coprite la ciotola con la pellicola  e praticate dei buchi con uno stuzzicadenti ,in modo che passi dell’aria e i microorganismi possano sviluppare anidride carbonica e far fermentare l’impasto. Questo composto dovrà riposare per 48 ore ad una temperatura ambiente costante compresa tra i 26° e i 28°.
Per rinfrescare il lievito:
 
Ponete 200 gr di lievito (il resto buttatelo) in una ciotola su di una bilancia  e aggiungete lo stesso peso in farina (sempre manitoba) quindi 200 gr, per un peso totale di 400 gr e la metà del peso in acqua, quindi 100 gr per un peso totale di 500 gr state un po’ indietro con l’acqua perché dipende da quanto ne assorbirà il vostro lievito, potrebbe essere un po’ meno o un po’ di più).
Questo procedimento lo dovete fare per circa 2 settimane finchè non vedete che il lievito raddoppia ! Quando inizierà a lievitare significa che il vostro lievito è diventato attivo.
Ora potete cucinare il pane, panettoni, brioche! Tutto quello che volete! E vi assicuro che noterete la differenza! 
Annunci